Obbligo di fatturazione elettronica B2B: al ciclo passivo chi ci pensa?

Fatturazione elettronica B2B e ciclo passivo

Ormai manca davvero poco al 1 gennaio 2019, il momento di svolta per la fatturazione elettronica in Italia. Quali conseguenze avrà quest’obbligo per le aziende italiane?
Per noi i risvolti positivi superano quelli negativi, se non ci limitiamo ad adeguarci all’obbligo. E cogliamo invece questo momento come opportunità di ripensare i nostri processi aziendali. Perché fatturazione elettronica non significa solo fatture ai clienti. Dobbiamo considerare anche i rapporti con i fornitori.
Parliamo di fatturazione elettronica B2B e automatizzazione del ciclo passivo.

EDI, automatizzazione dei flussi, fatturazione elettronica: solo un obbligo?

Spesso le innovazioni tecnologiche entrano in azienda come un obbligo. Obbligo di adeguarsi alle richieste dei clienti. Obbligo di rispettare leggi e regolamenti dalle istituzioni. E così facendo andiamo ad aggiungere un nuovo processo agli altri già esistenti. Ci adeguiamo, spesso, senza avere il tempo di fermarci e riflettere: questa nuova tecnologia può portare dei vantaggi in azienda, oltre al fatto di non perdere il cliente o essere in regola?

L’introduzione dell’obbligo di fatturazione elettronica B2B è il momento giusto per fermarsi e chiedersi: posso cambiare qualcosa e trarre dei benefici da questo obbligo?

Automatizzare il ciclo passivo: se non ora, quando?

Dal 1 gennaio 2019 non ci saranno alternative: tutte le fatture, sia attive che passive, dovranno passare per il Sistema di Interscambio (SdI) ed avere il formato elettronico strutturato xml. Fatture in altri formati o trasmesse su altri canali non saranno valide.

Per essere certo di continuare a lavorare, la tua prima preoccupazione sarà di adeguarti per inviare le fatture ai tuoi clienti.
In passato, potrebbe esserti già capitato di mettere al primo posto le richieste del cliente. Ad esempio, hai cercato una soluzione per automatizzare i flussi di ordini e fatture via EDI, solo per rispondere alle sue esigenze.
Forse ti sarà capitato di chiederti: ma perché non automatizzare anche lo scambio di documenti con i fornitori? Così da gestire tutto in un unico luogo e con un unico strumento, il tuo sistema ERP.
E ti sarai risposto che non era ancora il momento. Oppure che sarebbe stata un’impresa titanica riuscire a gestire tutti i diversi formati dei documenti, addirittura cartacei, dei tuoi fornitori.

Ora invece non ci sono più scuse. Tutte le fatture dei tuoi fornitori saranno disponibili in un unico formato elettronico strutturato: è il momento giusto per partire con l’automatizzazione del ciclo passivo.

 

Fatturazione elettronica B2B e ciclo passivo

Con D/b2b fatturazione elettronica puoi scambiare fatture attive e passive in formato elettronico attraverso il SdI. Si integra direttamente con il tuo sistema gestionale, senza installare alcun programma.

Maggior trasparenza, meno errori e costi

Se automatizzi la ricezione delle fatture passive con D/b2b fatturazione elettronica, le fatture approvate dallo SdI saranno direttamente disponibili all’interno del tuo sistema gestionale.
Potrai evitare così gli errori dovuti all’inserimento manuale dei dati e ottimizzare tempi e costi di gestione delle fatture passive.

Dopo questo primo passo, perché non proseguire il percorso di digitalizzazione, automatizzando l’invio degli ordini a quegli stessi fornitori? Eliminerai altre attività a basso valore aggiunto con nuovi vantaggi per la tua azienda.

E se ne avrai la necessità, potrai archiviare i tuoi documenti a norma, grazie alla collaborazione con Ifin Sistemi, partner accreditato AgID.

Come funziona D/b2b fatturazione elettronica per chi già usa D/bip?

Se già utilizzi la piattaforma D/bip, il tuo flusso EDI attivo sarà utilizzato anche per scambiare le fatture elettroniche tramite SdI. Nulla cambierà per i tuoi clienti e fornitori sia italiani che stranieri: continueranno a ricevere le fatture via EDI come ora.
Se ancora non ricevi le fatture in formato elettronico, sarà necessario definire e attivare i flussi per le fatture passive, che poi dal SdI saranno trasferite e direttamente disponibili sul tuo gestionale.

Hai ancora dei dubbi?
Scrivici.
Oppure vieni a chiarire tutte le tue domande giovedì 22/11 alle ore 16.30 con il nostro webinar. Scoprirai con DERWID e Ifin Sistemi come funziona la fatturazione elettronica B2B. Iscriviti all’evento: è gratuito.